201904.10
LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ANTIECONOMICO DEL CONTRIBUENTE
0

LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ANTIECONOMICO DEL CONTRIBUENTE

in News

Di Angelo Ginex, Avvocato e Ph.D. in Diritto Tributario, Studio Legale Tributario Ginex & Partners

Ai sensi dell’articolo 39, comma 1, lett. d), D.P.R. 600/1973 l’accertamento analitico-induttivo consiste nella contestazione dell’evasione mediante il ricorso a presunzioni “qualificate”, ovvero gravi, precise e concordanti.

In sostanza, detta censura prende le mosse dal ragionamento presuntivo dell’Amministrazione finanziaria che procede alla ricostruzione di una o più voci reddituali in modo difforme rispetto alle risultanze contabili.

Tra le diverse tipologie di accertamenti presuntivi (accertamenti basati sulle percentuali di ricarico, accertamenti basati su fattori produttivi, accertamenti basati su documentazione extracontabile, ecc.) risulta di particolare interesse quello basato sul comportamento antieconomico dell’imprenditore, ravvisabile nella ipotesi in cui, ad esempio, i prezzi praticati non superino i costi o la media del settore, in quanto confliggente con i criteri della ragionevolezza sul presupposto che chiunque svolga un’attività economica è indotto a generare utili.

Per leggere l’articolo completo scarica il PDF

© Riproduzione riservata