202122.09
SOCIETÀ DI CAPITALI ESTINTA: NON CONFIGURABILE UNA RESPONSABILITÀ DIRETTA DELL’EX AMMINISTRATORE PER I DEBITI FISCALI NON PAGATI
0

SOCIETÀ DI CAPITALI ESTINTA: NON CONFIGURABILE UNA RESPONSABILITÀ DIRETTA DELL’EX AMMINISTRATORE PER I DEBITI FISCALI NON PAGATI

in News

di Angelo Ginex, Avvocato e Dottore di ricerca in Diritto Tributario, Studio Legale Tributario Ginex & Partners

In tema di accertamento, laddove manchi un atto motivato che accerta la responsabilità dell’ex amministratore di una società di capitali estinta sulla base degli specifici elementi indicati dall’articolo 36 D.P.R. 602/1973, è illegittimo l’avviso di accertamento che si limiti a contestarne la responsabilità diretta per il mancato pagamento delle imposte dovute da detta società, trattandosi di obbligazione propria ex lege, avente natura civilistica e non tributaria, che trova fondamento sulla violazione degli articoli 1176 e 1218 cod.civ.

È questo il principio sancito dalla Corte di Cassazione con ordinanza n. 25530, depositata ieri 21 settembre.

Il caso sottoposto all’attenzione dei giudici di vertice trae origine dalla notifica di un avviso di accertamento ad una srl, ai suoi amministratori e al consulente fiscale della stessa, ritenuto l’amministratore di fatto. Con tale atto veniva rideterminato quanto dovuto per Ires, Irap ed IVA e dunque venivano recuperati a tassazione maggiori proventi relativi a costi ritenuti fittizi, iscritti in contabilità, con indebita detrazione degli acquisti.

Per leggere l’articolo completo scarica il PDF

© Riproduzione riservata