202124.11
SOCIETÀ DI CAPITALI: INDEDUCIBILE IL COSTO DEL LAVORATORE-PRESIDENTE DEL CDA
0

SOCIETÀ DI CAPITALI: INDEDUCIBILE IL COSTO DEL LAVORATORE-PRESIDENTE DEL CDA

in News

di Angelo Ginex, Avvocato e Dottore di ricerca in Diritto Tributario, Studio Legale Tributario Ginex & Partners

In tema di imposte sui redditi, sussiste l’assoluta incompatibilità tra la qualità di lavoratore dipendente di una società di capitali e la carica di presidenza del consiglio di amministrazione o di amministratore unico della stessa, in quanto il cumulo nella stessa persona dei poteri di rappresentanza dell’ente sociale, di direzione, di controllo e di disciplina, rende impossibile quella diversificazione delle parti del rapporto di lavoro e delle relative distinte attribuzioni, che è necessaria perché sia riscontrabile l’essenziale ed indefettibile elemento della subordinazione, con conseguente indeducibilità dal reddito della società del relativo costo da lavoro dipendente.

È questo l’importante principio di diritto sancito dalla Corte di Cassazione con sentenza n. 36362, depositata ieri 23 novembre.

La vicenda in esame trae origine dalla notifica ad una società cooperativa a r.l. di un avviso di accertamento, con cui l’Agenzia delle Entrate recuperava a tassazione le spese da essa sostenute nei confronti dei due soci e amministratori, a titolo di lavoro subordinato, ritenendo mancanti le caratteristiche proprie di tale tipologia di rapporto, quali il potere direttivo, gerarchico e disciplinare.

Per leggere l’articolo completo scarica il PDF

© Riproduzione riservata