202125.02
SOCIETÀ ESTINTA: L’EX SOCIO PUÒ AGIRE PER IL RIMBORSO DELL’INTERO CREDITO IVA
0

SOCIETÀ ESTINTA: L’EX SOCIO PUÒ AGIRE PER IL RIMBORSO DELL’INTERO CREDITO IVA

Di Angelo Ginex, Avvocato e Dottore di ricerca in Diritto Tributario, Studio Legale Tributario Ginex & Partners

Articolo pubblicato su “Accertamento e Contenzioso n. 70/2021

La Corte di Cassazione è stata recentemente chiamata a pronunciarsi sulla già ampiamente dibattuta questione relativa agli effetti della cancellazione di una società dal Registro Imprese in relazione ai rapporti giuridici pendenti e, in particolare, ai rapporti attivi, ovvero quelli in forza dei quali prima della cancellazione la società poteva vantare diritti, come i crediti d’imposta nei confronti dell’Agenzia delle entrate.
Secondo l’opinione giurisprudenziale prevalente, fino alla riforma del diritto societario attuata con il D.Lgs. 6/2003, la cancellazione di una società dal Registro Imprese, era una condizione necessaria, ma non sufficiente, per l’estinzione dell’ente. Più precisamente, si riteneva che la società non si estinguesse per effetto della formale cancellazione qualora fossero ancora pendenti rapporti giuridici a essa facenti capo.
Secondo questo orientamento pluridecennale, ancorato alla vecchia disciplina contenuta nell’articolo 2456, cod. civ., la formale cancellazione non determinava quindi l’estinzione della società qualora e finché non fossero esauriti tutti i rapporti giuridici (attivi e passivi).
Per effetto della riforma del diritto societario del 2003, il testo della norma è confluito nel secondo comma dell’articolo 2495 cod. civ. con l’inserimento, all’inizio della disposizione, dell’inciso: “ferma restando l’estinzione della società”, attribuendo, così, efficacia costitutiva all’estinzione.

Se vuoi ricevere maggiori informazioni, contattaci!