201921.10
I LIMITI DEI POTERI ISTRUTTORI DEL GIUDICE TRIBUTARIO
0

I LIMITI DEI POTERI ISTRUTTORI DEL GIUDICE TRIBUTARIO

in News

A differenza di quanto previsto dal codice di rito per il processo civile, nel contenzioso tributario, che è denominato a “istruzione esaurita”, non è contemplata una vera e propria fase istruttoria, in quanto eventuali ordinanze istruttorie sono emanate nel corso dell’udienza di discussione. Tra i poteri istruttori del giudice tributario previsti dall’articolo 7 D.Lgs. 546/1992 (rubricato “Poteri delle commissioni tributarie”) vi sono …

201918.10
L’IMPUGNAZIONE DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA IN CASO DI ACCERTAMENTO DEFINITIVO
0

L’IMPUGNAZIONE DEL DINIEGO DI AUTOTUTELA IN CASO DI ACCERTAMENTO DEFINITIVO

in News

Per autotutela si intende il potere-dovere dell’Amministrazione finanziaria di procedere, d’ufficio o su iniziativa del contribuente, al ritiro della pretesa fiscale, annullando propri atti riconosciuti illegittimi o infondati. Spesso accade che, a fronte di una simile istanza da parte del contribuente, l’Amministrazione finanziaria recapiti un provvedimento di diniego, la cui impugnazione, però, non trova unanimi consensi.

201911.10
LE INDAGINI FINANZIARIE SUI CONTI CORRENTI INTESTATI A  TERZI
0

LE INDAGINI FINANZIARIE SUI CONTI CORRENTI INTESTATI A TERZI

in News

L’accertamento da indagini finanziarie è una particolare procedura che consente all’Amministrazione finanziaria di acquisire dati sui rapporti intrattenuti e sulle operazioni finanziarie poste in essere dai contribuenti con gli intermediari finanziari, al fine di individuare movimentazioni che, se non opportunamente giustificate dal contribuente, vengono contestate quali maggiori ricavi o compensi.

201904.10
LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ANTIECONOMICO DEL CONTRIBUENTE
0

LA VALUTAZIONE DEL COMPORTAMENTO ANTIECONOMICO DEL CONTRIBUENTE

in News

Ai sensi dell’articolo 39, comma 1, lett. d), D.P.R. 600/1973 l’accertamento analitico-induttivo consiste nella contestazione dell’evasione mediante il ricorso a presunzioni “qualificate”, ovvero gravi, precise e concordanti. In sostanza, detta censura prende le mosse dal ragionamento presuntivo dell’Amministrazione finanziaria, che procede alla ricostruzione di una o più voci reddituali in modo difforme rispetto alle risultanze contabili.

201924.09
ILLEGITTIMO L’ACCERTAMENTO DA STUDI DI SETTORE SENZA UN GRAVE SCOSTAMENTO
0

ILLEGITTIMO L’ACCERTAMENTO DA STUDI DI SETTORE SENZA UN GRAVE SCOSTAMENTO

in News

L’Amministrazione finanziaria non è legittimata a procedere all’accertamento analitico-induttivo allorché si verifichi un mero scostamento non significativo tra i ricavi, i compensi e i corrispettivi dichiarati e quelli fondatamente desumibili dagli studi di settore, ma solo quando venga ravvisata una grave incongruenza, trovando riscontro la persistenza di tale presupposto – nel quadro di una lettura costituzionalmente orientata al rispetto del principio della capacità contributiva …

201920.09
NO ALLA NOTIFICA DIRETTA PER L’ACCERTAMENTO ESECUTIVO
0

NO ALLA NOTIFICA DIRETTA PER L’ACCERTAMENTO ESECUTIVO

in News

A differenza degli atti impoesattivi c.d. secondari, per i quali è ammessa la notificazione diretta anche a mezzo del servizio postale, gli avvisi di accertamento esecutivi, in considerazione dell’attitudine ad acquisire efficacia esecutiva, possono essere notificati solo tramite un agente notificatore, che deve redigere e sottoscrivere la relativa relata

201916.09
EVENTUALI ISTANZE DEL CONTRIBUENTE NON PRECLUDONO L’IMPUGNAZIONE DELLA CARTELLA NON NOTIFICATA
0

EVENTUALI ISTANZE DEL CONTRIBUENTE NON PRECLUDONO L’IMPUGNAZIONE DELLA CARTELLA NON NOTIFICATA

in News

Con sentenza n. 19704/2015 le Sezioni Unite hanno affermato che: “il contribuente può impugnare la cartella di pagamento della quale – a causa dell’invalidità della relativa notifica – sia venuto a conoscenza solo attraverso un estratto di ruolo rilasciato su sua richiesta dal concessionario della riscossione”. Tale pronuncia ha generato una crescita esponenziale del contenzioso fondato sull’asserita omessa notifica della cartella impugnata. In estrema sintesi, il contribuente chiede all’Agente della riscossione di conoscere la propria situazione debitoria e, sulla base degli estratti di ruolo che …

201914.09
SÌ ALLA CEDOLARE SECCA CON CANONE LOCATIZIO VARIABILE IN BASE AL FATTURATO
0

SÌ ALLA CEDOLARE SECCA CON CANONE LOCATIZIO VARIABILE IN BASE AL FATTURATO

in News

La previsione contrattuale che fa dipendere la quota variabile del canone di locazione dal fatturato del conduttore non costituisce un’ipotesi di aggiornamento ma una mera modalità di determinazione dello stesso, con la conseguenza che essa non è di ostacolo all’assoggettamento del contratto stesso al regime della cedolare secca.

201904.09
REATI TRIBUTARI: LIMITATA RESPONSABILITÀ PER IL COMMERCIALISTA
0

REATI TRIBUTARI: LIMITATA RESPONSABILITÀ PER IL COMMERCIALISTA

in News

In tema di reati tributari, per la configurabilità del concorso del consulente fiscale è necessario un contributo di quest’ultimo che sia concreto, consapevole, seriale e ripetitivo e che il professionista sia stato il consapevole e cosciente ispiratore della frode, anche se di questa ne abbia beneficiato il solo cliente.